Music and News

Martedì 31 Dicembre

Martedì 31 Dicembre

Per festeggiare i suoi 40 anni di carriera, inaugurati con “Streaking” (concept album prodotto e arrangiato da Enrico Riccardi, uscito nel 1974 per la CGD) Loredana Berté ha deciso di dare il via a una tournée nei teatri fuori e dentro i confini italiani.
Con il “ 974/2014 tour” la celebre voce calabrese reinterpreterà tutti i maggiori successi del suo repertorio, accompagnata sul palco dalla Bandaberté composta da Alberto Linari alle tastiere, Andrea Morelli e Alessandro De Crescenzo alle chitarre, Pier Mingotti al basso, Ivano Zanotti alla batteria e dalla vocalist Aida Cooper.

Sono ormai parecchi anni che si parla del materiale inedito incamerato da Peter Gabriel per realizzare il “nuovo” disco battezzato “I/O”. Inizialmente messo in cantiere come successore di “Up” del 2002, nell’ottobre del 2011 il cantautore britannico fece sapere di aver messo in stand by l’album, archiviando il tutto come una serie di “idee di canzoni” rimaste inconcluse.
E due anni dopo, la voce di “So” è tornata a parlare di questo progetto ancora incompleto, incalzato dalle domande di Rolling Stone USA: “Sì, c’è ancora… dovrei smettere di fare le altre cose e rinchiudermi per un po’. Probabilmente non si è proprio mosso quanto avrei voluto, quando è stato il momento di intervenire. Molte canzoni sono ancora lì, ma alcune le rifarei. E ci sono anche cose nuove.”

Benché formalmente separati dai Grammy Awards veri e propri, i Grammy Lifetime Achievement Award, premi alla carriera assegnati dall’associazione di categoria dei discografici americani agli artisti internazionali che – recita la stessa Recording Academy – “nel corso delle proprie carriere si siano distinti fornendo un contributo essenziale al mondo discografico” .
Assegnati tradizionalmente la sera prima della serata di gala che vede consegnare le palme nelle categorie mediaticamente più rumorose come album e canzone dell’anno, i premi alla carriera per l’edizione 2014 di quelli che in tanti considerano gli “Oscar della musica” saranno intitolati a Beatles, Ennio Morricone, Kraftwerk, Kris Kristofferson e Isley Brothers.

Stanto a quanto riportato online da Tribune242.com, il bassista degli Iron Maiden Steve Harris ha subito un furto nella sua villa situata alle Bahamas, per un bottino che ammonterebbe a circa 8.000 dollari.
La polizia locale ha già due sospetti in mano e sembra vere già recuperato circa 5.000 dollari di refurtiva, ma sta ancora indagando per incastrare un terzo complice che avrebbe partecipato alla rapina.

Kelis ha ufficialmente comunicato la data d’uscita del suo atteso “FOOD” (tutto maiuscolo, alla Lady Gaga – “ARTPOP” docet?). L’a
album, il sesto della sua carriera solista, secondo i piani dovrebbe uscire il 28 aprile del 2014 – facendo registrare dunque un notevole ritardo, visto che era già atteso per quest’anno.
Quasi tutti conoscono Brian May come musicista, pochi ricordano che il chitarrista dei Queen è quasi un accademico: laureatosi all’Imperial College di Londra nel 2008, ha scritto due libri sull’astrofisica, “Bang! The complete history of the universe” nel 2006 e “The cosmic tourist” nel 2012. Ora, messi da parte per un attimo gli altri suoi tre grandi interessi (i tassi, il giardinaggio e ovviamente i Queen), Brian, nato nella zona periferica londinese di Hampton, è diventato il patrocinatore di un museo. Si tratta dell’Herschel Museum of Astronomy di Bath, la città nota per le terme romane e per lo studio di registrazione di Peter Gabriel che si trova a 8 chilometri da essa.

Sarà un’estate davvero calda quella della Capitale che, dopo i Queens of The Stone Age, gli Arcade Fire e i Thirty Seconds To Mars, aggiunge un altro fiore all’occhiello per il suo Rock in Roma. Il prossimo 8 luglio infatti, sul palco installato all’Ippodromo delle Capannelle saliranno iBlack Keys che torneranno così a suonare per i fan italiani a due anni dall’ultima esibizione a Torino.

Una notizia che farà venire i brividi agli estimatori di Johnny Cash che dubitavano avrebbero mai potuto ascoltare “nuove” canzoni del loro eroe: arrivano tanti inediti del patriarca country, scomparso nel 2003 all’età di 71 anni. E da dove saltano fuori? Da sessioni che Johnny registrò nei primi anni Ottanta con Billy Sherrill. Il lavoro, “Out among the stars”, fu lavorato per la Columbia Records ma chiuso in un cassetto quando l’etichetta licenziò Cash nel 1986. L’artista e sua moglie, June Carter Cash, misero il tutto da parte e il disco fu riscoperto solamente l’anno scorso quando già la fondazione aveva iniziato a pubblicare materiale d’archivio del Man In Black. Le musiche di “Out among the stars”, in uscita il 25 marzo 2014, risalgono più esattamente nel periodo che va dal 1981 al 1984; un periodo in cui la Columbia aveva messo al fianco di Johnny appunto Sherrill, produttore e allora presidente della CBS Records Nashville, nel tentativo di sospingere Johnny verso un country allora più in voga, il cosiddetto pop country. I dodici brani che compongono l’opera contengono parti che sono state ri-registrate; sono stati aggiunti, “per fortificare i nastri originali”, anche alcuni musicisti, tra i quali Buddy Miller e Jerry Douglas.

Andrea Zanella

Dicembre 30th, 2013

No comments

Comments are closed.