Music and News

Nuovo album per i Stone Temple Pilots

Nuovo album per i Stone Temple Pilots

Gli Stone Temple Pilots tornano con un nuovo album in studio che porta il loro nome. Si tratta del primo con il nuovo cantante Jeff Gutt, che era entrato nella formazione lo scorso novembre e che aveva già cantato nel singolo Meadow. In passato anche il compianto cantante dei Linkin Park, Chester Bennington era stato voce del gruppo dopo che Scott Weiland era stato licenziato nel 2013.

Il chitarrista Dean DeLeo, dice: “Questo nuovo corso degli STP è focalizzato sul futuro. Il miglior modo per noi di onorare il passato è partire da quanto fatto fino ad ora e continuare a creare nuova musica”.

In questo ultimo album, la band ha fatto esattamente questo. Nel primo singolo “Meadow” e nel brano “Never Enough” ritroviamo le ruvide chitarre e i ritmi spavaldi che gli STP hanno perfezionato in Core (1992), Purple (1994) e No. 4 (1999).  “Roll Me Under” scivola sopra agili giri di basso prima del ritornello, dove la voce baritonale di Gutt irrompe con tutta la sua potenza.
Questa la track list:
Track list

  1. Middle Of Nowhere
  2. Guilty
  3. Meadow
  4. Just A Little Lie
  5. Six Eight
  6. Thought She’d Be Mine
  7. Roll Me Under
  8. Never Enough
  9. The Art Of Letting Go
  10. Finest Hour
  11. Good Shoes
  12. Reds & Blues

Quando è stato chiesto a Robert DeLeo cosa devono aspettarsi i fan dal nuovo tour della band, Robert ha risposto: “Con così tanta esperienza accumulata negli anni ci sentiamo in dovere di scavare a fondo nel nostro trentennale catalogo e fare il possibile per selezionare al meglio i brani da eseguire, con un occhio di riguardo per quelli che non abbiamo mai presentato live. Vogliamo dare la possibilità a chi ci è venuto a vedere in passato di ascoltare qualcosa di nuovo, qualcosa che non ha mai sentito ad uno show degli STP. Vogliamo celebrare questo periodo della vita con le nostre performance”.

È prevista anche una versione in vinile che sarà disponibile dal prossimo 25 maggio.

Andrea Zanella

Marzo 16th, 2018

No comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *